Tecnologia

La startup egiziana Capiter raccoglie $ 33 milioni per espandere la piattaforma di e-commerce B2B in MENA – Tecnews25

Le startup di finanziamento che aiutano produttori e venditori a distribuire prodotti e i commercianti ad accedervi su un’unica piattaforma continuano ad aumentare in tutta l’Africa.

Oggi, startup di e-commerce B2B con sede al Cairo Capiter continua questa tendenza raccogliendo un round di serie A da $ 33 milioni.

L’investimento è stato co-guidato da Quona Capital e MSA Capital. Altri investitori partecipanti includono Savola, Shorooq Partners, Foundation Ventures, Accion Venture Lab e Derayah Ventures.

Capiter è stato lanciato nel luglio 2020 da Mahmoud Nouh e Ahmed Nouh. Parlando con Tecnews25, il CEO Mahmoud Nouh afferma che Capiter risolve i problemi di portata e approfondimenti per fornitori e produttori.

Molti dei produttori in Egitto oggi non dispongono della giusta infrastruttura della catena di approvvigionamento in atto per raggiungere i commercianti. Nouh afferma che i produttori possono raggiungere solo il 30% dei commercianti sul mercato, ma con Capiter questo numero sale tra l’80% e il 100%.

Inoltre, gran parte del commercio finale dei produttori avviene attraverso i canali tradizionali dove c’è fondamentalmente nessuna trasparenza su dati o approfondimenti di mercato.

Utilizzando l’apprendimento automatico, Capiter afferma che aiuta questi produttori a ottenere informazioni critiche sui mercati che servono, sui prodotti che vendono e su come si comportano in modo corretto con la concorrenza.

Poi per i commercianti, Capiter si occupa di tre problemi. Il primo è l’inconveniente che i commercianti devono affrontare coinvolgendo diversi fornitori per trovare il prodotto giusto. Il secondo è la trasparenza che comporta un po’ di avanti e indietro tra commercianti e produttori sui prezzi. Il terzo è che i commercianti hanno spesso poco o nessun accesso al capitale circolante per ottenere il prodotto giusto e il momento giusto.

Con Capiter, i commercianti possono ordinare prodotti da FMCG e grossisti mentre l’azienda li consegna. Capiter fornisce anche prezzi equi e tecniche di corrispondenza che mettono in mostra una vasta gamma di inventario per i commercianti.

Quindi offre loro capitale circolante per acquistare più prodotti anche quando loro sono legati in contanti. Capiter collabora con le banche locali in Egitto e la Banca centrale per eseguire questa operazione.

Capiter ha oltre 12 tipi di commercianti sulla sua piattaforma, inclusi negozi mom-and-pop, hotel, ristoranti, caffè, negozi di elettronica, supermercati, negozi di alimentari e società di catering, ognuno con le proprie soluzioni personalizzate.

“Siamo in grado di ottenere i dati dai prodotti che acquistano. Quindi offriamo loro la migliore soluzione su ciò che dovrebbero vendere, a che ora e in alta stagione, incluso quando si verificano le offerte. Tutto di queste sono personalizzati soluzioni che offriamo”, ha affermato Mahmoud Nouh.

Capiter

L’app Capiter

I ricavi dell’azienda sono derivati da piccoli margini sui prodotti acquistati dai produttori e venduti ai commercianti. Poi sugli sconti per i fornitori e sulle commissioni del capitale circolante fornite ai commercianti. Capiter guadagna anche fornendo approfondimenti di mercato e servizi dati a produttori e FMCG.

Tipicamente Le piattaforme di e-commerce B2B gestiscono modelli con risorse leggere e inventario pesante. Nouh mi dice che Capiter ha scelto di utilizzare un modello ibrido… effettuare consegne senza possedere alcun camion per garantire scalabilità e possedere un inventario, in particolare per i prodotti ad alto turnover che aiutano l’azienda con un’elevata disponibilità e prezzi migliori.

“Questo modo ci ha permesso di scalare il business in maniera molto veloce e, allo stesso tempo, efficiente e affidabile. Per quanto riguarda magazzini e camion, non li possediamo; li affittiamo. Ci occupiamo di logistica conto terzi per i trasporti e li gestiamo”.

Oltre 50.000 commercianti e 1.000 venditori utilizzano Capiter. Secondo il CEO Nouh, l’azienda ha fornito fino a 6.000 SKU. Aggiunge anche che l’azienda punta a un fatturato annuo di 1 miliardo di dollari entro il prossimo anno.

“Siamo su un’ottima traiettoria per raggiungere questo obiettivo”, ha aggiunto. “In termini di membri del team, abbiamo un team di oltre 1000 persone al momento, inclusi magazzini, consegne, ecc. Quindi abbiamo riscontrato una buona trazione su tutti i fronti”, ha risposto quando gli è stato chiesto della trazione di Capiter.

Quona Capital, l’investitore co-leader in questo round, è conosciuto di aver fatto alcune scommesse di e-commerce B2B negli ultimi anni, ad esempio il Sokowatch del Kenya. L’investimento in Capiter si aggiunge al portafoglio dell’azienda in questo senso e una presenza crescente nella regione MENA essendo il suo primo controllo effettuato in Egitto.

In una dichiarazione, Monica Brand Engel, co-fondatrice e managing partner di Quona, ha dichiarato: “Il modello finanziario integrato di Capiter, combinato con la sua esperienza e il forte coinvolgimento degli utenti, può avere un impatto drammatico sulla vita finanziaria delle PMI, aiutandole a ottimizzare il loro reddito, il che aiuta comunità per prosperare.”

“Le inefficienze della catena di approvvigionamento delle PMI sono enormi in tutto il Medio Oriente. Noi crediamo il blocco chiave è la mancanza di capitale circolante nel sistema. Capiter ha costruito un modo semplice per aggregato rivenditori e fornitori e facilitare credito nel sistema attraverso un’offerta multiprodotto completa come commercio, finanziamento del credito, pagamenti digitali, contabilità e gestione delle scorte per le PMI, facendo leva sull’ecosistema costruito dalle banche e dalle istituzioni finanziarie locali.” aggiunge Ben Harburg, partner di MSA Capital, un VC globale che ha investito in fintech come Nubank e Klarna.

Secondo Ahmed Nouh, COO dell’azienda, Capiter si espanderà in nuovi verticali come l’agricoltura e le offerte farmaceutiche.

Il co-fondatore porta esperienza nello spazio di spedizione e logistica. Sia lui che Mahmoud sono imprenditori seriali. Il viaggio di quest’ultimo è piuttosto importante, avendo lavorato nello spazio della mobilità come il co-fondatore e COO della società egiziana di ride-hailing SWVL. La società ha recentemente annunciato un potenziale accordo SPAC per un valore di 1,5 miliardi di dollari ed è una delle poche startup africane che allevano una mafia tecnologica. Ahmed Sabbah, un altro co-fondatore della società, ora gestisce la startup fintech Telda.

Capiter ha attratto un team globale che riunisce le competenze di aziende come Careem e Flipkart necessarie per raggiungere gli obiettivi dell’azienda, ha affermato Mahmoud.

Aggiunge che il team, oltre alla fornitura di servizi finanziari tramite partnership con banche e il suo modello ibrido, è il modo in cui l’azienda si distingue in un mercato competitivo, tra cui artisti del calibro di Fatura, Bosta e MaxAB..

A seguito di questo investimento, la società prevede di espandere veticamente (in termini di il tipo di acquirente) e geograficamente entro il prossimo anno.

“Vogliamo servire ogni singola PMI nella regione MENA ed espanderci all’interno dell’Egitto e a livello globale”. Aggiunge che il Gruppo Savola, uno dei suoi investitori e il più grande investitore per i prodotti FMCG nella regione MENA, si rivelerà fondamentale per questa crescita. Capiter prevede inoltre di diversificare la propria offerta di servizi finanziari per includere i pagamenti.

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

More in:Tecnologia

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.