Stile di vita

I farmaci possono aiutare la salute dei fumatori che bevono molto

potabile

Credito: CC0 Dominio Pubblico

Un recente studio clinico dell’UCLA ha mostrato risultati incoraggianti nell’aiutare i fumatori quotidiani che sono anche forti bevitori a smettere di fumare e ridurre il consumo di alcol.

Lo studio su 165 persone ha testato due farmaci da prescrizione: la vareniclina, per la dipendenza dal fumo, e il naltrexone, che è usato per trattare l’alcolismo. Gli studi hanno dimostrato che la vareniclina, commercializzata con il marchio Chantix, può anche essere efficace nel ridurre il consumo di alcol.

I partecipanti, di età compresa tra 21 e 65 anni, fumavano almeno cinque sigarette al giorno, con i partecipanti di sesso maschile che consumavano generalmente più di 14 drink a settimana e le donne più di sette a settimana.

Durante il periodo di studio di 12 settimane, ogni partecipante ha ricevuto 2 milligrammi di vareniclina due volte al giorno. Circa la metà del gruppo, 83 partecipanti, ha ricevuto anche una dose giornaliera di 50 milligrammi di naltrexone, mentre gli altri 82 hanno ricevuto pillole placebo. A tutti è stato detto di smettere di fumare e di bere di meno.

Quando i ricercatori hanno seguito 26 settimane dopo la conclusione dello studio, hanno scoperto che quasi il 36% (59 partecipanti) aveva smesso di fumare.

“Il tasso complessivo di smettere di fumare nello studio è impressionante”, ha detto l’autore principale Lara Ray, professore di psicologia e di psichiatria e scienze biocomportamentali che detiene la cattedra Shirley M. Hatos in Neurofarmacologia clinica dell’UCLA. Ha notato che studi precedenti hanno suggerito che la vareniclina ha un tasso di successo a sei mesi di circa il 25%-30%.

“Abbiamo superato le aspettative complessive per questo farmaco”, ha detto. “Questo è particolarmente importante in un gruppo eterogeneo di persone”. Ray ha affermato che mentre alcuni studi precedenti hanno mostrato tassi di cessazione dal fumo inferiori alla media tra i partecipanti neri, ciò non era il caso dell’attuale studio, in cui più della metà dei partecipanti erano neri.

Sorprendentemente, hanno detto i ricercatori, coloro che avevano ricevuto vareniclina più un placebo avevano un tasso di cessazione del fumo significativamente più alto (45%, o 37 di 82 partecipanti) rispetto a quelli che avevano ricevuto vareniclina e naltrexone (27%, o 22 di 83 partecipanti).

“Il tasso di cessazione della sola vareniclina in questo campione è altamente incoraggiante, poiché si tratta del primo studio su larga scala sull’efficacia della vareniclina focalizzato esclusivamente sui fumatori che bevono molto”, ha affermato Ray.

Mentre i partecipanti che hanno ricevuto vareniclina più naltrexone hanno avuto un tasso di cessazione del fumo inferiore, hanno avuto un successo leggermente migliore rispetto al gruppo placebo nel limitare il consumo di alcol. All’inizio dello studio, i partecipanti hanno consumato in media quasi sette drink al giorno; quelli sulla combinazione vareniclina-naltrexone hanno ridotto il loro consumo a tre drink al giorno durante il periodo di studio di 12 settimane, mentre quelli che hanno ricevuto la combinazione vareniclina-placebo hanno ridotto a quattro drink, entrambe diminuzioni impressionanti, ha detto Ray.

“Sono entusiasta sia dei tassi di cessazione del fumo che della riduzione del consumo di alcol”, ha affermato Ray, che è anche membro del Brain Research Institute dell’UCLA. “Questi risultati suggeriscono che i risultati desiderabili per la cessazione del fumo e la riduzione del consumo di alcol sono realizzabili”.

Lo studio, che non ha riscontrato differenze nei tassi di cessazione e riduzione tra uomini e donne, è stato pubblicato online nel American Journal of Psychiatry 3 giugno ed è prevista la pubblicazione nel numero cartaceo di settembre della rivista.

Circa il 20-25% dei fumatori sono anche forti bevitori. Il fumo e il consumo eccessivo di alcol sono importanti problemi di salute pubblica che riducono la durata e la qualità della vita delle persone, ed entrambi sono stati anche collegati a esiti di salute peggiori per COVID-19.

Come per tutte le dipendenze, smettere di fumare e ridurre il consumo di alcol sono processi difficili e complessi. Questo studio conferma che i farmaci possono svolgere un ruolo, ha detto Ray, ma ha notato che può essere difficile per i pazienti assumere più di un farmaco prescritto.

“La sola vareniclina sta facendo un ottimo lavoro e questo studio indica che non c’è molto spazio per il naltrexone per fare la differenza”, ha detto Ray. “Ma anche i farmaci come la vareniclina hanno i loro limiti. I farmaci sono solo una parte della soluzione. Rimane ancora molta ricerca da fare sulle dipendenze e su come trattarle”.

Ray afferma che coloro che desiderano smettere di fumare e ridurre il consumo di alcol possono considerare di parlare con il proprio medico della possibilità di utilizzare la vareniclina e raccomanda di provare a smettere di fumare e ridurre il consumo di alcol allo stesso tempo.

“Ci sono prove che la vareniclina può aiutarli con entrambi”, ha detto Ray. “La vareniclina sembra abbastanza efficace nel ridurre il consumo di alcol e nell’aiutare le persone a smettere di fumare. Dato che è stato scoperto che la vareniclina riduce il consumo di alcol negli studi per il disturbo da uso di alcol, è possibile che i suoi effetti sia sul bere che sul fumo rappresentino un’alternativa ottimale per questo gruppo di fumatori che bevono molto”.

ReJoyce Green, una studentessa di dottorato in psicologia clinica dell’UCLA che lavora con Ray, e Karen Miotto, professoressa clinica di psichiatria dell’UCLA e direttore medico della sperimentazione clinica, sono tra i 14 autori dello studio.

La sperimentazione clinica e la ricerca di Ray sono finanziate dal National Institute on Drug Abuse e dal National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism, entrambi parte del National Institutes of Health.

Lo studio è stato condotto tra luglio 2015 e dicembre 2019 presso una struttura di ricerca ambulatoriale dell’UCLA.


Vareniclina legata alla riduzione del consumo eccessivo di alcol negli uomini


Maggiori informazioni:
Lara A. Ray et al, Efficacia della combinazione di vareniclina e naltrexone per smettere di fumare e ridurre il consumo di alcol: uno studio clinico randomizzato, American Journal of Psychiatry (2021). DOI: 10.1176/appi.ajp.2020.20070993

Fornito dall’Università della California, Los Angeles


Citazione: I farmaci possono aiutare la salute dei fumatori che bevono pesantemente (2021, 15 giugno) recuperati il ​​15 giugno 2021 da https://medicalxpress.com/news/2021-06-medication-heavy-drinking-smokers-health.html

Questo documento è soggetto a copyright. Salvo ogni correttezza per fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.